Accedi a Imparosulweb!
Troverai i contenuti multimediali associati ai testi editi dal 2010 in avanti.

La ricerca n.12: "Insegnare l'Europa"

Il numero 12 della nostra rivista è dedicato all'Europa. Ci siamo chiesti: è giusto, ci interessa (ancora? sempre? davvero?) insegnare l’Unione europea a scuola? L’educazione alla cittadinanza europea è un valore? Cosa comporta farlo e come è cambiato negli ultimi anni, nell’ultimo anno, con gli ultimi fatti, elezioni, referendum? Perché è in crisi? Cos'ha di buono, cos'ha da insegnarci? E ancora: quali sono le sue origini (di crogiolo di lingue e di culture, di teatro di battaglie e di incontri, di dialogo religioso come letterario)? Quindi, quale o quali idee di Europa è realistico o onesto insegnare o promuovere, e perché, e come influiscono le agenzie formative (la scuola, i libri) sulla percezione e autorappresentazione dell’Europa?

> download de La ricerca n.12
> comunicato stampa

Riportiamo l'editoriale di Sandro Invidia:

Diceva Hegel che “Ciò che è noto non è conosciuto”, intendendo che quando, nel processo della conoscenza, presupponiamo qualcosa come noto, inganniamo noi stessi e gli altri. È un monito epistemico, questo del filosofo tedesco, posto a fondamento di una rigorosa teoria della conoscenza. Ridotto ad aforisma, si è trasformato in un generico invito alla rinuncia alle facili scorciatoie verso verità di comodo. Spero di non scandalizzare nessuno ammettendo che, per me, il concetto di Europa (e di Europa unita, in specie) appartiene al dominio del noto, galleggiando per ciò stesso in una nebulosa indistinta di pigre verità assunte per osmosi e tautologiche petizioni di principio.
Che l’Europa non sia un’entità geografica definita e rintracciabile su una carta geografica credo di averlo appreso relativamente di recente. Dalla scuola materna all’università so di aver ripetuto, più o meno a memoria, il giro d’orizzonte degli inesistenti confini, fatti per tre quarti di acqua salata, e per il rimanente di montagne, nemmeno tanto alte. Che ci fossero un’enorme nazione e una splendida città divise tra due continenti mi sembrava una curiosità capricciosa, frutto non tanto della volontà di qualche geografo quanto delle necessarie circonvoluzioni della Storia. 
Mi sbagliavo, evidentemente, ma lo facevo con ottime ragioni. Storiche, appunto. Cosa poteva esserci di più vincolante e identitario di secoli di guerre e orrori? Come fosse un aspro cammino verso la conoscenza reciproca e la fratellanza, mi pareva che le vicende che si sono susseguite dalle guerre persiane ai giorni nostri non fossero altro che il particolare modo che le genti avevano trovato per definire meglio se stesse in rapporto agli altri, e al territorio occupato. Il comune substrato culturale mi sembrava la testimonianza più salda di tale rapporto e di tale identità antropologica. Avrei capito solo più tardi che non di un unico substrato si trattava, e che le matrici di quella che chiamiamo oggi identità europea e occidentale andrebbero ricercate in ambiti geografici e spirituali che occidentali non sono, e tanto meno “europei”. 
Amo l'Europa di un amore assoluto e incondizionato. La ragione “nuova”? I miei figli, ai quali auguro orizzonti più ampi di quelli toccati in sorte a me.Europeista convinto, quale da sempre mi considero, ho vissuto questo processo dal “noto” al “conosciuto” come una messa alla prova personale e culturale. Ci ho impiegato del tempo, ovviamente, e la cosa mi è costata fatica e intimo dolore. Ma è stato anche un processo di indubitabile crescita morale e, a suo modo, “sentimentale”. Come quando si scoprono nuove ragioni per amare una persona che si credeva di conoscere bene e che ci ha riservato inattese sorprese. La si ama perché è quella persona, senza bisogno d’altro. 
Con l’Europa è lo stesso, almeno per me: amore assoluto e incondizionato. La ragione “nuova”? I miei figli, ai quali auguro orizzonti più ampi di quelli toccati in sorte a me, e volontà di confronto, libertà di movimento, passione conoscitiva, fervore dialettico, competenza linguistica, coraggio progettuale e convivenza pacifica. A loro cerco di instillare il dubbio sulle facili certezze di chi circoscrive i propri confini all’orto di casa o, peggio, rintraccia tra paralleli e meridiani i segni di ineluttabili destini e fatali missioni. A loro vorrei poter dare la scala che permetta di guardare ben al di là dei muri, ahimè non solo metaforici, che i miei coetanei oggi si affannano a erigere a difesa delle proprie paure. 
E devo dire che non mi sento solo in questa “missione”: sento la vicinanza dei molti che condividono questo mio punto di vista. Sento, soprattutto, la presenza di una scuola (e di tanti insegnanti!) che hanno voglia di trasmettere non un generico senso di appartenenza a un’indistinta comunità continentale, ma il valore del progetto culturale e umano più affascinante e grandioso che si possa immaginare: quello che vorrebbe far emergere, dalla consapevole diversità, il desiderio di un futuro condiviso e armonico.



Gentile utente.
Il nuovo sito Loescher è stato realizzato per consentire la migliore esperienza visiva e di navigazione possibile.
Il tuo browser purtroppo non risulta supportato al 100%.
Se decidi di proseguire potresti riscontrare problemi sia a livello estetico sia a livello di funzionamento.
Ti consigliamo quindi di passare ad una versione più recente di Internet Explorer oppure di usare Chrome o Firefox.

Se vuoi scaricare Chrome clicca qui.
Se vuoi scaricare Firefox clicca qui

Grazie

Loescher Editore