Accedi a Imparosulweb!
Troverai i contenuti multimediali associati ai testi editi dal 2010 in avanti.

Copertina opera
Novità

Deserto blu

Apparato didattico a cura di Stefano Gianni


Scuola Secondaria 1° Grado, Scuola Secondaria 2° Grado
Anno pubblicazione: 2020

Quando, in seguito ai feroci contrasti sorti in seno alla sua famiglia a causa del fanatismo religioso dello zio, Souleymane è costretto a lasciare insieme al padre il suo villaggio in Mali per trasferirsi precipitosamente in Burkina Faso, non ha nessuna voglia di abbandonare il luogo in cui è nato: con tutta l’innocenza e la passione dei suoi quattordici anni, ama la propria vita e la propria casa, gli piace andare a scuola – la pagella che ha appena ritirato riporta solo ottimi voti in tutte le materie – e un giorno vorrebbe diventare un medico nel suo Paese; non si lascia certo incantare dalla chimera di fare fortuna in Europa, lui, come accade invece al suo amico Madou, che ha un cugino che vive in Italia, a Genova, e non fa altro che parlare della possibilità di raggiungerlo. Dal momento della fuga, però, tutto cambia per il ragazzo: niente più scuola per lui, ma un lavoro da uomo e il confronto obbligato con una realtà più cruda di quanto avesse mai immaginato. È allora che Souleymane comincia a sentire il desiderio di mettersi in viaggio e di tentare l’avventura per arrivare dove, forse, alla fine, potrà riprendere a studiare e ricominciare a sperare in un futuro migliore per sé e per i suoi genitori. In tutti i suoi spostamenti, raccontati in presa diretta dalla sua viva voce, il legame più forte con la sua esistenza di un tempo e il simbolo della fierezza che Souleymane conserva è l’eccellente pagella che egli porta sempre con sé ovunque vada, quasi si trattasse di un magico passepartout per la buona fortuna. Il documento che dimostra il suo valore, cucito nella fodera della giacca, lo accompagnerà durante la terribile traversata del deserto del Niger, nei campi di prigionia dei predoni, nel corso del suo angosciante periodo di schiavitù in Libia e, infine, sul barcone del suo ultimo viaggio, verso l’Italia e il miraggio di una vita felice.


VALENZA DIDATTICA E ATTIVITÀ

Ispirato alla vera storia di un giovanissimo migrante maliano mai identificato a cui, dopo la morte in mare, fu trovata una pagella scolastica cucita nella fodera della giacca, questo appassionante, documentatissimo libro ci permette di accostarci ai fenomeni migratori da una prospettiva nuova, quanto mai concreta e profondamente coinvolgente. Le schede che accompagnano la narrazione (sviluppata tutta in prima persona attraverso la voce e il punto di vista del protagonista), oltre a supportare la comprensione del testo e ad aiutare il giovane lettore ad apprezzarne lo stile e le caratteristiche compositive, invitano a riflettere sul valore di questo racconto, e forniscono gli strumenti per approfondire la conoscenza di uno dei temi capitali della nostra epoca e per maturare su di esso un’opinione circostanziata.


AUTRICE

Nata a Genova, dopo aver compiuto studi classici e avere frequentato il corso di laurea in Psicologia, Giulia D’Arrigo lavora da anni in un centro di accoglienza per persone rifugiate. Deserto blu è il suo quarto romanzo.



TEMI

Migrazioni, fanatismo religioso, razzismo, africa, mar mediterraneo, infanzia negata, adolescenza, famiglia, scuola, ricerca della felicità, barconi

 

 

 

Configurazione
TitoloPagineCodiceISBNPrezzo  ISBNPrezzoAcquista 
NDeserto blu
168V09697888824409616,90Scuolabook97888577312615,02
  • Il filo del racconto

    Portale di narrativa per insegnanti e studenti, aggiornato con regolarità e consultabile gratuitamente. Presentazione delle collane, strumenti e risorse per approfondire le letture proposte.

FORSE TI INTERESSA ANCHE...




Gentile utente.
Il nuovo sito Loescher è stato realizzato per consentire la migliore esperienza visiva e di navigazione possibile.
Il tuo browser purtroppo non risulta supportato al 100%.
Se decidi di proseguire potresti riscontrare problemi sia a livello estetico sia a livello di funzionamento.
Ti consigliamo quindi di passare ad una versione più recente di Internet Explorer oppure di usare Chrome o Firefox.

Se vuoi scaricare Chrome clicca qui.
Se vuoi scaricare Firefox clicca qui

Grazie

Loescher Editore