Accedi a Imparosulweb!
Troverai i contenuti multimediali associati ai testi editi dal 2010 in avanti.

I tabù nel Sud degli anni ’50 visti da una ragazza di oggi

L'intervista ad Anna Gariuolo, vincitrice del nostro premio di scrittura creativa “Prime Penne” al Salone del libro di Torino.
Il romanzo sarà pubblicato il prossimo anno da Loescher.

Com'è nato il tuo primo romanzo e a cosa ti sei ispirata?
Mi sono ispirata a fatti reali della vita della famiglia di mia nonna, riprendendo alcuni avvenimenti accaduti a lei e alle sue sorelle quand'erano ragazze. Scilla è una città reale della Calabria ma è anche la mostruosa ninfa della mitologia greca trasformata dagli dèi in “colei che dilania”. Nell'immaginario della protagonista il mostro diventa reale perché vive nella cittadina e rappresenta in realtà una mentalità, quella tipica del Sud degli anni Cinquanta, che dilania le persone costringendole a vivere in un modo che altrimenti non avrebbero scelto. Il personaggio principale del romanzo, Nicolina, è ispirato a mia nonna, una donna ribelle rispetto ai tempi. “Colei che dilania” nasce dalle storie romanzate, anche se c'è molto di vero, che ho sentito raccontare da lei fin da quando ero giovanissima. All'inizio ero un po' preoccupata all'idea di dire a mia nonna di cosa parlasse il libro ma in realtà ne è stata molto contenta.

> leggi tutto



Gentile utente.
Il nuovo sito Loescher è stato realizzato per consentire la migliore esperienza visiva e di navigazione possibile.
Il tuo browser purtroppo non risulta supportato al 100%.
Se decidi di proseguire potresti riscontrare problemi sia a livello estetico sia a livello di funzionamento.
Ti consigliamo quindi di passare ad una versione più recente di Internet Explorer oppure di usare Chrome o Firefox.

Se vuoi scaricare Chrome clicca qui.
Se vuoi scaricare Firefox clicca qui

Grazie

Loescher Editore