Accedi a Imparosulweb!
Troverai i contenuti multimediali associati ai testi editi dal 2010 in avanti.

Dal 18/09/2019 Al 20/09/2019

"Letteratura e Scienza": corso di formazione del prof. Corrado Bologna

Il liceo Liceo Scientifico e Musicale "Marconi" di Pesaro organizza e propone un corso di formazione a cura del professor Corrado Bologna, certificabile su S.O.F.I.A. (ID 33723).

Gli interventi del prof. Corrado Bologna intendono proporre ai docenti degli strumenti rigorosi e originali di analisi testuale, storico-culturale e storico-letteraria, aperti al dialogo e al confronto ininterrotto fra le diverse discipline (la storia dell’arte, la storia, l’antropologia culturale, ma anche le scienze esatte), suggerendo una proposta didattica capace di stimolare negli studenti un’attenzione diversa nei confronti dei classici nel loro ininterrotto dialogo con gli scrittori moderni che possono aiutarci a rimeditarne il lascito.

18 settembre 2019, orario: 16-19 - I Promessi Sposi del 1840
La prima lezione (3 ore), il 18 settembre 2019, dalle ore 16 alle 19, illustrerà un aspetto poco rilevato nella pratica didattica nello studio dei Promessi Sposi: la grande metamorfosi che separa l’edizione del 1840 da quella del 1827, non riducibile alla “risciacquatura in Arno” della lingua. Verrà messa in risalto l’introduzione di un complesso apparato di immagini che Manzoni stesso organizza strategicamente con l’aiuto dell’incisore F. Gonin. Egli “inventa” così il romanzo moderno, trasformandolo in una struttura comunicativa multipla, un complesso sistema multimediale molto interessante per i lettori del XXI secolo abituati a una “civiltà delle immagini”. I Promessi Sposi del 1840 si rivelano una perfetta macchina narrativa capace di guidare l’immaginazione del lettore con un sottile reticolo di ollegamenti fra il testo verbale e quello visivo. Si studieranno anche alcuni aspetti non sempre ben messi in luce nei commenti: anzitutto la tradizione che collega il Fermo e Lucia al Don Chisciotte di Cervantes al Tristram Shandy di Sterne, e il sottile rapporto fra la scrittura romanzesca e quella teatrale; in secondo luogo la grande modernità e attualità dei Promessi Sposi come libro che fissa e rappresenta, come videro acutamente Leonardo Sciascia e Giulio Bollati, un’immagine antropologica dell’Italia non solo del secolo XVII, ma anche del XIX, del XX, e del XXI…

19 settembre 2019, orario: 16-19 - I due “sguardi sul mondo” di Calvino e di Pasolini
La seconda lezione (3 ore), il 19 settembre 2019 dalle ore 16 alle 19, presenterà i diversi “sguardi sul mondo” di due classici moderni ormai decisamente entrati nel canone della modernità: Italo Calvino e Pier Paolo Pasolini. Le loro posizioni permetteranno di sottolineare il valore in primo luogo etico e civile della letteratura. I loro due “sguardi” diversi e complementari (“geometrico” il primo, “creaturale” e “compassionevole” il secondo), oltre a permettere di cogliere il valore intrinseco di questi importanti intellettuali del nostro tempo, aiuteranno ad approfondire grandi classici antichi (Francesco d’Assisi, Dante, Boccaccio, Ariosto, Galilei, Leopardi, Manzoni). La lettura di numerosi testi dei due grandi scrittori consentirà di mettere a fuoco le loro diverse e complementari visioni del mondo

20 settembre 2019, orario 14,30-17,30 - Letteratura e scienza
La terza lezione (3 ore), il 20 settembre 2019, dalle ore 14,30 alle ore 17,30, sarà dedicata al rapporto fra letteratura e scienza nella cultura italiana, con particolare attenzione per l’età moderna e contemporanea. Muovendo dall’Orlando Furioso e dalla rinnovata visione del mondo che consegue alla scoperta dell’America e alla realizzazione delle prime mappe cartografiche, si passerà all’“invenzione della Luna” da parte di Galilei, che nel Sidereus nuncius (1610) dimostra di essersi ispirato al poema dell’Ariosto per “scoprire” il nuovo spazio. Quindi, fra Sette, Otto e Novecento, si metterà in luce, attraverso una serie di esempi scelti accuratamente, come l’“orizzonte di attesa” plasmato dalla letteratura sia necessario per l’elaborazione di una visione del mondo scientifica. In questa valutazione delle interferenze fra letteratura e scienza la posizione di Italo Calvino offrirà spunti di grande interesse: “la letteratura è per me una serie di tentativi di conoscenza e di classificazione delle informazioni sul mondo”. Calvino rileva, ad esempio, come Leopardi nello Zibaldone ammiri la prosa di Galileo “per la precisione e l'eleganza congiunte”, e conclude che “Galileo usa il linguaggio non come uno strumento neutro, ma con una coscienza letteraria, con una continua partecipazione espressiva, immaginativa, addirittura lirica. Non per niente
Galileo ammirò e postillò quel poeta cosmico e lunare che fu Ariosto. [...] L'ideale di sguardo sul mondo che guida anche il Galileo scienziato è nutrito di cultura letteraria. Tanto che possiamo segnare una linea Ariosto-Galileo-Leopardi come una delle più importanti linee di forza della nostra letteratura”.

18-19-20 settembre 2019
Liceo Scientifico e Musicale "G.Marconi"

Via Nanterre, 10 - 61122 Pesaro

Corrado Bologna
Professore Ordinario di Letterature romanze medioevali e moderne presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, ha studiato a lungo i grandi classici della letteratura italiana. Fra l’altro ha scritto libri e saggi su Dante, Petrarca, Ariosto, Leopardi, Manzoni, Gadda. È autore, insieme con Paola Rocchi (insegnante in un Liceo romano), delle storie e antologie della letteratura edite da Loescher: Rosa fresca aulentissima, Fresca rosa novella e di un’edizione integrale, con apparati didattici, dei Promessi Sposi.



Gentile utente.
Il nuovo sito Loescher è stato realizzato per consentire la migliore esperienza visiva e di navigazione possibile.
Il tuo browser purtroppo non risulta supportato al 100%.
Se decidi di proseguire potresti riscontrare problemi sia a livello estetico sia a livello di funzionamento.
Ti consigliamo quindi di passare ad una versione più recente di Internet Explorer oppure di usare Chrome o Firefox.

Se vuoi scaricare Chrome clicca qui.
Se vuoi scaricare Firefox clicca qui

Grazie

Loescher Editore